fogra

Fogra: normative e vantaggi nell’usarle.

Vantaggi normative Fogra

Le normative Fogra definiscono tolleranze e parametri tecnici per diverse tipologie di stampa, quali dot gain, Lab dei pieni e del supporto. Se adottate permettono di rispettare i parametri colorimetrici definiti dalla prova colore e di evitare contestazioni.

I parametri tecnici riguardano:

  • valori ammessi di dot gain CMYK (aumento del punto);
  • valori Lab dei pieni al 100% dei primari di stampa CMYK e delle sovrapposizioni “secondarie”, ossia rosso (M+Y), verde (C+Y) , blu (C+M) e nero tricromia (C+M+Y);
  • valori Lab del supporto finale di stampa.

Alcuni esempi di normative.

  • Offset a foglio su carta patinata opaca e lucida: Fogra 39 e più recente Fogra 51.
  • Offset a foglio su carta usomano: Fogra 29 e più recente Fogra 52.
  • Offset a foglio su carta usomano avorio: Fogra 30.

Visione nello specifico della normativa

Prendiamo come esempio la normativa Fogra 39.

1 – dot gain:

  • +14% nel 50% di CMY
  • +17% nel 50% di K
fogra-dot-gain
Dot gain del nero previsto dalla normativa Fogra 39.

L’andamento della curva di dot gain nei valori da 0% a 100% è descritto nel profilo icc corrispondente alla normativa.

Il raggiungimento dei valori sopra descritti è possibile solo attraverso una corretta scavatura dei valori di curva nei sistemi di esposizione delle lastre – forme da stampa del computer-to-plate (CTP).

2 – valori Lab per il suporto finale di stampa:

Patinata lucida
L 93,0 a 0,0 b -3,0
Tolleranze ± 3,0 ± 2,0 ± 2,0

Patinata opaca
L 92,0 a 0,0 b -3,0
Tolleranze ± 3,0 ± 2,0 ± 2,0

3 – valori Lab nei primari di stampa e relative sovrapposizioni con tolleranza di Delta E*ab ≤ 5:

La specifica prevede valori Lab per i primari di stampa e relative sovrapposizioni.

Ad esempio nel Cyan 100% i valori Lab previsti sono: L 55,0 a -37,0 b -50,0

fogra-gamut
Gamut previsto dalla normativa Fogra 39.

Il raggiungimento dei valori sopra descritti è possibile solo attraverso l’utilizzo di inchiostri e supporti finali di stampa che rispettino le tolleranze. Diventa quindi importante durante la tiratura, più che misurare le densità dei pieni, misurarne i valori Lab tramite uno spettrofotometro.

4 – ICC standard

La normativa prevede l’utilizzo del profilo ICC standard ISOcoated_v2_eci.icc per le conversioni RGB-CMYK.

L’alternativa è ultilizzare il profilo ICC CoatedFOGRA39.icc del programma Adobe.

Tale profilo appare nei menù dei programmi Adobe con il nome esteso Coated FOGRA39 (ISO 12647-2:2004).


Verifica del flusso lavorativo

La verifica dei parametri di stampa rispetto ad una prova colore certificata Fogra 39 può avvenire attraverso l’impiego di una scala di controllo del tipo Ugra Fogra Media Wedge.

fogra-media-wedge
Scala di controllo Ugra Fogra Media Wedge per il controllo dei valori di ∆E.

Nella scala sono riportate le combinazioni più significative di CMYK, utili ad stabilire, una volta misutate, se il sistema di stampa è idoneo a riprodurre lo standard o meno. La scala, tramite lettura spettrofotometrica, genera un report ove sono riportate le eventuali deviazioni cromatiche rispetto allo standard.

Le deviazioni cromatiche utili misurate rispetto allo standard sono:

  • ∆E (delta E) medio di tutti i patch, ossia la media aritmetica di ∆E (delta E) misurata su tutte le tacche della scala (tolleranza prevista ≤ 3);
  • ∆E (delta E) della carta (tolleranza prevista ≤ 3);
  • ∆E medio gamma esterna ossia la media ponderata (per esempio 40 patch hanno un andamento medio di valore 2 di ∆E (delta E) (tolleranza prevista ≤ 4);
  • ∆E (delta E) massimo ossia il valore più alto di Delta E tra tutti i patch (tolleranza prevista ≤ 6);
  • ∆E (delta E) massimo primari ossia il valore più alto di Delta E tra i primari CMYK (tolleranza prevista ≤ 5);
  • ∆H (delta H – differenza di tinta) media aritmetica delta H – differenza di tinta nei colori e nei grigi (tolleranza prevista ≤ 1,5);
  • ∆H (delta H – differenza di tinta) massima nei primari ossia il valore più alto di ∆H (delta H – differenza di tinta) tra i primari CMYK (tolleranza prevista ≤ 2,5).

Vantaggi nell’adozione delle normative Fogra

L’adozione della normativa Fogra presenta i seguenti vantaggi:

  • raggiungimento parametri colorimetrici definiti dalla prova colore;
  • si evitano contestazioni sul lavoro finale;
  • standardizzazione dell’archivio immagini e files CMYK preparati per lo standard e non finalizzati ad una macchina da stampa specifica, che magari nel tempo andrà a sparire perché diventerà obsoleta;
  • immagini preparate nello standard possono essere stampate egregiamente anche su sistemi di stampa digitale, sia interni che presso fornitori;
  • maggiori possibilità commerciali nella ricezione di lavori esterni (molte multinazionali richiedono a fotografi, studi grafici e stampatori il rispetto delle normative Fogra).

L’elenco delle normative è in pieno sviluppo ed aggiornamento e si estende anche a procedimenti di stampa diversi dall’offset a foglio.

Per qualsiasi Vostro dubbio tecnico e/o necessità non esitate a contattarci.


Contatti

Ai sensi dell'art 13 D.lgs. 196/2003,
dichiaro di aver preso visione delle condizioni generali della Privacy.

Newsletter sino

Hdemo Network 112 Articles
La redazione di Hdemo Network, in collaborazione con gli altri magazine del gruppo, cura la pubblicazione delle news e dei comunicati ufficiali.